L’alchimia in un board game: Ascension

24 Giu 2020
Ascension - Board game

Davide, Enrico e Leonardo hanno creato un Board Game durante il primo semestre di corso (Game Art & Game Design) e ci hanno spiegato più nel dettaglio il loro elaborato.
 

  • Ciao ragazzi, grazie per aver accettato la nostra intervista. Potreste presentarvi brevemente (nome completo, età, corso che stai frequentando, ruolo nel team di lavoro)?

L: Leonardo Vagnini, 24 anni, Game Design, ho ricoperto il ruolo di game designer, aiutando nella realizzazione della parte visual e realizzando il prototipo.
E: Enrico Nicoli, 22 anni, Game Design, anche io ho curato la parte di game design, supportando il lato grafico.
D: Davide Falaschini, 22 anni, Game Art, ho realizzato la parte artistica del progetto.
 

  • Qual era la vostra consegna di progetto e quale lavoro avete consegnato?

E: tra i tre temi proposti dai docenti, abbiamo da subito scelto quello relativo alla “reazione chimica”. L’idea è stata quella di creare un gioco da tavolo ispirato all'alchimia, basando l’esperienza interamente su single player.
L: corretto, il tema è stato preso al 100% dall’alchimia. Abbiamo dato molta importanza al lato experience del giocatore: infatti, abbiamo anche progettato un libro con la spiegazione degli elementi del gioco e con una parte interamente dedicata alla spiegazione sull’alchimia. Purtroppo la realizzazione richiedeva molto sforzo (più di 100 pagine complessive), perciò l’abbiamo idealizzato tramite un render per svilupparlo possibilmente in futuro.

 

slide
 
  • Da dove nasce l’idea del vostro progetto? 

L: sin dal primo confronto, ci siamo trovati subito d’accordo sul tema “chimica”, ed abbiamo sviluppato successivamente in maniera più trasversale, con un focus particolare sull’alchimia. Il gioco si avvicina molto al concetto di domino in forma esagonale, poichè ci sembrava potesse essere intuitivo.
E: abbiamo subito pensato a simboli e combinazioni, elementi che funzionavano lato game design e potevano accattivare il giocatore, movimentando il gameplay.
 

  • Come vi siete trovati lavorando in un Game Team?

L: non ho riscontrato particolari problemi, solitamente preferisco lavorare in team che da solo.  Talvolta è normale avere qualche divergenza di opinione, purchè sia costruttiva.
E: condivido quel che dice Leonardo, la divisione compiti è stata equa e abbiamo lavorato in sincronia.

 

  • Quali sono le prossime sfide che vi attendono?

L: attualmente stiamo lavorando alla nuova consegna di progetto. Ci sarebbe piaciuto portare il gioco in digitale, ma avendo cambiato i gruppi di lavoro abbiamo aperto rispettivamente nuovi orizzonti. Nel mio gruppo, ad esempio, abbiamo mantenuto come main topic l'alchimia, il che è ottimo per me!
E: nel mio gruppo, invece, stiamo realizzando un progetto che si avvicina di più al concetto di narrazione ed in particolare tratta la pixel art. Sicuramente questo mi stimola ad immaginare nuovi modelli di gioco e nuove idee per il futuro!

 

Scopri i nostri corsi del dipartimento Games! #CreateGames